Pablo Volta

 

Nasce il 3 gennaio 1926 a Buenos Aires da padre toscano, giornalista, e madre argentina, di origini italiane.

Esegue i primi scatti nella Berlino devastata dai bombardamenti. Rientrato in Italia si occupa di cronaca nera e di cinema, ed è tra i fondatori della Fotografi Associati, prima cooperativa di fotografi in Italia. Nel 1932 quando è ancora bambino la famiglia si trasferisce in Italia, dove compie i suoi studi tra Roma, Torino, Lucca e Viareggio. Durante la guerra, tra il 1944 e il 1945 combatte con i partigiani sulle Alpi Apuane e partecipa alla liberazione di Modena.

Nel 1949 a Berlino, segue un corso di Elementary Photography, organizzato dall'esercito di occupazione americano. Collabora diversi anni con il settimanale il Mondo. Nel 1954 compie il primo viaggio in Sardegna, realizza le foto per '"Inchiesta su Orgosolo" di Franco Cagnetta. Nel 1957 fotografa il Carnevale di Mamoiada.

Trasferitosi a Parigi fotografa innumerevoli scrittori, artisti e intellettuali tra i più rappresentativi del XX secolo. Realizza documentari per la RAI TV: uno sugli anarchici parigini alla fine dell'Ottocento sulle trasformazioni urbanistiche operate a Parigi, nel Secondo Impero, dal Barone Haussmann.

Nel 1966 partecipa come giornalista al programma Cinq Colonnes à la une della televisione francese con una serie di trasmissioni sulla Sardegna.

Lavora per l´ufficio di corrispondenza delle Rai a Parigi. Nei primi anni 70 richiamato dall´interesse per la Sardegna scopre il fenomeno del muralismo. Le sue fotografie figureranno in una grande mostra sull'arte muraria nel mondo, a Caen, in Normandia, nel 1981 e negli anni seguenti gira l´Italia.

Nel 1987, per amore della Sardegna sceglie di stabilirsi nel "Paese Museo" di San Sperate.

Dopo una vita dedicata alla sua passione per la fotografia, Pablo si è spento il 28 luglio 2011 all'età di 85 anni.

 

Sede legale:

Referente:

Telefono:

E-mail:

Sito internet:

 

Galleria fotografica dedicata quasi interamente alle foto e diapositive scattate a San Sperate nel periodo di maggior fervore muralistico, anni 70 e primi anni 80 del secolo scorso

Data di ultima modifica: 22/03/2017


Visualizza in modalità Desktop