Piani Personalizzati L. 162-98

Descrizione

Si tratta di una norma che apporta delle modifiche alla Legge 104/92, concernenti misure di sostegno in favore di persone con handicap grave attribuendo alle Regioni la programmazione di interventi di aiuto alla persona e alla famiglia con prestazioni integrative rispetto a quelle erogate dagli Enti Locali che possono essere gestite sia in forma indiretta (cioè dalle famiglie stesse) sia in forma diretta (dal Comune).
Possono essere destinatari dei piani esclusivamente i disabili la cui minorazione rientra nella fattispecie di cui all’art. 3 comma 3 L. 104/92 e sia stata accertata e certificata alla data di presentazione del piano.
La tipologia degli interventi finanziabili riguardano:

  • interventi di assistenza domiciliare
  • servizi educativi
  • accoglienza presso Centri Diurni autorizzati ai sensi dell’art. 41 della L.R. 4/88
  • ricoveri di respiro per non più di 30 giorni nell’arco di un anno presso strutture autorizzate ai sensi dell’art. 41 della L.R. 4/88
  • acquisto di ausili tecnici ed informatici sulla base di certificazione specialistica che ne attesti la necessità e a condizione che negli ultimi tre anni non si siano avuti finanziamenti allo stesso titolo
  • attività sportive e/o di socializzazione

 

Norme procedurali

Condizione necessaria perché i soggetti possano essere destinatari della realizzazione dei piani personalizzati, è che si trovino nella situazione indicata dall’art. 3 comma 3 della L. 104/92, siano stati dunque riconosciuti in stato di handicap grave.
Tale condizione deve essere dimostrata dietro presentazione da parte dell’interessato al Comune, della relativa certificazione prodotta a corredo del piano stesso.
I piani  vengono elaborati una volta all’anno dai Comuni in collaborazione con le famiglie, secondo schemi prefissati dalla RAS.
Essi devono contenere:

  • la presentazione della situazione personale e familiare dell’interessato,l’indicazione della frequenza scolastica e dell’eventuale attività lavorativa
  • il reddito (imponibile IRPEF)
  • la descrizione degli interventi già erogati dal Comune e/o dalla ASL
  • la descrizione degli obiettivi generali che si intendono perseguire
  • la descrizione della modalità di gestione del piano
  • l’articolazione del piano di spesa e costo totale del piano

 

Attività collegate

Collaborazione con i servizi socio-sanitari del territorio.

 

Note

Una volta finanziati dalla RAS, i piani vengono liquidati con determinazione del Responsabile del Servizio nel seguente modo:

  • Gestione diretta. Il Comune provvede alla liquidazione delle fatture alla Ditta a cui è affidata la gestione degli interventi previsti nei piani
  • Gestione indiretta. Il Comune provvede alla liquidazione delle pezze giustificative presentate dalle  famiglie che hanno scelto di gestire il servizio

 

Normativa di riferimento





 


Visualizza in modalità Desktop